Prima vittoria in tribunale per il duca di Sussex nella guerra legale intrapresa contro la proprietà del giornale. L’editore ha dovuto riconoscere d’aver diffamato il principe, avanzando dubbi sulla sua fedeltà agli ex commilitoni dei Royal Marines. Il secondogenito di Carlo e Diana devolverà per beneficenza la somma ai reduci di guerra.

Il principe Harry ha accettato le scuse di un giornale che lo aveva diffamato e un “sostanzioso indennizzo”. Il Mail on Sunday aveva pubblicato due articoli sostenendo che il duca di Sussex, questo il suo titolo ufficiale, aveva “voltato le spalle” ai Royal Marines, il corpo delle forze armate britanniche in cui ha servito per anni e con il quale ha combattuto anche in Afghanistan.

Harry ha reagito facendo causa al domenicale britannico, che ha riconosciuto la propria colpa alle prime battute del processo davanti all’Alta Corte di Londra, giungendo a un accordo stragiudiziale.

I suoi avvocati hanno definito la sostanza degli articoli “priva di base, falsa e diffamatoria”. I legali dell’Associated Newspapers, la casa editrice del Daily Mail e del Mail on Sunday, sono stati costretti a dare loro ragione.

Il giornale affermava che il principe non avrebbe mai più telefonato, scritto o mantenuto alcun contatto con i Marines dopo avere abbandonato l’uniforme, ma i suoi difensori sono stati in grado di fornire numerose prove del contrario, rivelando come Harry abbia ripetutamente sostenuto i suoi ex commilitoni, anche dopo avere rinunciato a ogni ruolo della famiglia reale quando ha deciso di trasferirsi in California insieme alla moglie Meghan e al loro figlioletto.

“Il duca di Sussex è orgoglioso di avere servito per dieci anni nelle forze armate in nome di Sua Maestà e di avere mantenuto con i Royal Marines uno stretto legame, che intende mantenere anche in futuro”, ha dichiarato l’avvocatessa che lo rappresenta, Jenny Afia, durante il dibattimento. Il legale ha reso noto che Harry donerà l’intera somma dell’indennizzo agli Invictus Game, i giochi olimpici per i veterani rimasti feriti o disabili in guerra, di cui è uno degli animatori, “affinché qualcosa di buono emerga da questa vicenda”.

Fonte: La Repubblica / Enrico Franceschini


Resta aggiornato su Londra, ricevi via email le ultime news! 👇

Unisciti a 99.666 altri iscritti


Una-tantum
Mensile

Aiuta il progetto La tua Londra, la tua donazione una tantum può aiutarci a creare nuovi contenuti nel nostro sito e continuare il nostro progetto.
Ti offriremo un Codice Sconto per acquistare i nostri gadget Londinesi.

Fai una donazione mensilmente. Aiuta il progetto La tua Londra, la tua donazione mensilmente può aiutarci a creare nuovi contenuti nel nostro sito e continuare il nostro progetto.
Ti offriremo un Codice Sconto per acquistare i nostri gadget Londinesi.

Scegli un importo

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

In alternativa inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmente

Di La tua Londra

Consigli, curiosità & aggiornamenti su Londra.

X