Il Regno Unito ha superato l’Italia per avere il maggior numero di decessi registrati per coronavirus in Europa.

Le cifre – annunciate quotidianamente da entrambi i governi – mostrano un totale di 32.692 decessi nel Regno Unito e 30.911 in Italia.

Ma si può fare un confronto equo tra i due paesi?

Al momento è difficile farlo ma qui ci sono alcuni dei fattori da tenere in considerazione.

  1. Dimensioni della popolazione
    Tanto per cominciare, la popolazione del Regno Unito è di circa 66 milioni e quella Italiana di circa 60 milioni.

Quindi il Regno Unito dovrebbe registrare almeno il 10% in più di morti rispetto all’Italia per avere un tasso di mortalità più elevato per persona.

Dato che l’Italia ha superato l’apice dell’epidemia e sta registrando un numero significativamente inferiore di decessi al giorno rispetto al Regno Unito, ciò potrebbe accadere.

  1. I due paesi potrebbero non contare allo stesso modo
    È necessario considerare anche i diversi modi in cui i diversi paesi contano i decessi.

“Ogni paese misura le morti in un modo diverso”, ha detto il consigliere medico capo del governo britannico Chris Whitty durante un briefing giornaliero, “quindi confrontarle tra loro è un esercizio sostanzialmente inutile”.

A prima vista, l’Italia e il Regno Unito ora lo fanno in modi abbastanza simili, includendo solo i casi confermati di Covid-19 nei loro conteggi giornalieri cumulativi.

Ma mentre è sicuro supporre che i dati relativi al numero di decessi negli ospedali siano abbastanza precisi, si può dire lo stesso dei decessi nelle case di cura o a casa?

  1. Test
    Dato che le cifre giornaliere rilasciate da entrambi i governi riguardano le persone che sono morte dopo essere risultate positive al test per il coronavirus, quanti test sono in corso sono chiaramente importanti.

Per fare un esempio estremo, se nessuno dei due paesi avesse testato qualcuno, nessuno sarebbe morto dopo essere risultato positivo. D’altra parte, se tutti nel paese fossero stati messi alla prova dei tests, il numero di morti sarebbe stato molto più alto.

Il Regno Unito sta attualmente testando più persone al giorno rispetto all’Italia, ma nel complesso l’Italia, che è stata in lockdown più a lungo, ha eseguito oltre 2,2 milioni di test al 5 maggio mentre il Regno Unito ha fatto oltre 1,3 milioni.

Per le cifre quotidiane che si basano su persone che sono risultate positive al virus, questa è una distinzione cruciale, che rende il confronto delle cifre problematiche.

  1. Qual è l’età e la salute della popolazione?
    Il confronto più utile da effettuare tra due paesi esamina il numero totale di decessi per tutte le cause adeguate all’età.

Perché dovresti adattarti all’età?

Sappiamo che il coronavirus colpisce gli anziani più gravemente dei giovani. Gli anziani hanno molte più probabilità di avere le condizioni di salute sottostanti che rendono il coronavirus molto più pericoloso.

Nel Regno Unito, ad esempio, nella settimana fino al 24 aprile, sappiamo che il coronavirus ha ucciso:

  • 4 per 100.000 persone di età inferiore ai 75 anni
  • 75 per 100.000 del gruppo 75-84
  • 242 per 100.000 persone con più di 85 anni

Di La tua Londra

Consigli, curiosità & aggiornamenti su Londra.

X